More stories

  • in

    ”Hanno smesso di chiamarmi”: Alessia Merz rilascia la prima intervista dopo anni e rivela perché non appare più in tv

    La 49enne, sposata con Fabio Bazzani dal 2005, è stata tra le showgirl più conosciute
    A 17 anni, nel 1992, trovo la popolarità grazie a Non è la Rai, ora pensa alla sua famiglia

    Ha detto basta. Alessia Merz ha detto addio allo showbiz. Nella prima intervista rilasciata dopo anni al Corriere della Sera la 49enne rivela perché non appare più in tv. “Hanno smesso di chiamarmi”, spiega.
    ”Hanno smesso di chiamarmi”: Alessia Merz rilascia la prima intervista dopo anni e rivela perché non appare più in tv
    A 17 anni, nel 1992, trovo la popolarità grazie a Non è la Rai, poi venne scelta come velina, in coppia con Cristina Quaranta, da Antonio Ricci per Striscia la Notizia. Per lei film, conduzioni di programmi, calendari sexy e tanto altro. Alessia è stata tra le showgirl più conosciute dal pubblico. Eppure è riuscita a scegliere altro.
    “Sempre in hotel, con coperta e cuscino in macchina, una vita assurda. Dai 18 ai 31 mi sono divertita, ho fatto di tutto e di più. Volevo una famiglia. Dopo i primi no hanno smesso di chiamarmi. Ma non sono pentita, sono felice così, non sto mica chiusa in casa con Netflix. Ogni tanto faccio qualche cosetta per togliermi lo sfizio, non ci ho messo la croce sopra”, svela la Merz.
    La 49enne, sposata con Fabio Bazzani da 18 anni, è madre di Niccolò, 17 anni, e Martina, 15
    Il mondo di Alessia è cambiato grazie all’incontro con Fabio Bazzani, con cui, dopo 18 anni, va tutto a meraviglia. “Giugno 2004, hotel a Porto Cervo. Avevo appena deciso: basta fidanzati. Ho visto lui ed è cambiato tutto. Ero con Simona Ventura, lui con Stefano Bettarini, compagni di squadra alla Samp. Bastò uno sguardo. Pensai: ‘Ah, però’”, racconta.
    “Il mattino dopo abbiamo fatto colazione insieme leggendo la Gazzetta dello Sport – prosegue la Merz – Dopo cinque giorni eravamo fidanzati. Poco dopo sono partita per l’Isola dei Famosi. Quando sono uscita temevo che mi avesse dimenticato, invece mi ha chiesto di sposarlo e ho detto sì. Ci ho messo un mese a spiegare ad amici e parenti che era solo amore folle e non ero incinta”.
    I bimbi sono arrivati dopo. Oggi Alessia è un genitore felice. Dall’ex calciatore ha avuto Niccolò, nato il 5 novembre 2006 e che ha da poco compiuto 17 anni, e Martina, venuta al mondo il 3 marzo 2008. LEGGI TUTTO

  • in

    ”Gli ho strappato i capelli dalla testa, fu spettacolare”: Guillermo Mariotto racconta come picchiò il bullo che lo insultava

    Lo stilista 57enne: “Mi dicevano che ero gay. Ero forte, battagliero. Ma non tutti hanno questo carattere”
    “A me andò bene. C’è invece chi si chiude in se stesso e…”

    Guillermo Mariotto è stato preso di mira duramente quando era un ragazzino. Al Corriere della Sera racconta di come picchiò il bullo che lo insultava. “Gli ho strappato i capelli dalla testa, fu spettacolare”, confida lo stilista di origine venezuelana 57enne.
    ”Gli ho strappato i capelli dalla testa, fu spettacolare”: Guillermo Mariotto racconta come picchiò il bullo che lo insultava
    Designer e personaggio tv, il giudice di Ballando con le Stelle appare sempre allegro e spensierato, ma da adolescente a Caracas è stato attaccato. “A me andò bene, reagii, picchiai i bulli che mi dicevano che ero gay. Ero forte, battagliero. Ma non tutti hanno questo carattere, c’è chi si chiude in se stesso, penso a quel povero ragazzino che si è tolto la vita a Palermo. Penso ai suoi genitori, al loro dolore”, sottolinea.
    Guillermo volge il pensiero al passato e ripercorre questa ‘storiaccia’: “Ero sui 13 anni e quel giorno giocavo in difesa. Come sempre ero bersagliato da insulti irriferibili. All’ennesimo, esplosi. Raggiunsi a centrocampo il boss del gruppo con cui avevo già questionato, un malandrino, tale Muniz, e gli montai sulle spalle, strappandogli i capelli dalla testa. Fu spettacolare, una scena davanti a genitori e professori. Banalmente, divenni un intoccabile. Avevo vinto la mia guerra, quando Muniz mi vedeva cambiava strada”.
    Lo stilista 57enne, giudice di Ballando con le Stelle: “Mi dicevano che ero gay. Ero forte, battagliero. Ma non tutti hanno questo carattere”
    Quando gli si domanda perché lo vessassero, Mariotto chiarisce: “Si capiva che ero gay, vestivo in un certo modo, forse più elegante degli altri. I bulli sbroccavano perché ero forte nello sport, ciò li mandava letteralmente in bestia: figurarsi, un omosessuale…”. Primeggiava in alcune discipline: “Il volley in primis. Con me, la squadra scolastica arrivò al titolo nazionale. Ma primeggiavo nella ginnastica a corpo libero. Eravamo a metà degli anni Settanta e mi sbeffeggiavano dicendomi che parevo Nadia Comaneci, l’olimpionica rumena”. Ma lo picchiavano: “Regolarmente, mi aspettavano sotto casa. Se sono andato bene nell’atletica, con buoni tempi nei 100 metri, è perché ho imparato presto a scattare e scappare”.
    Sulla sua famiglia svela: “Volevo un gran bene alla favolosa nonna materna, Leonor. Ripeteva: ‘Guarda che non sei sbagliato, sei solo nato nel posto sbagliato. Prenditi una laurea e vai via da qui’. Mio fratello arrivò a dirmi che ero la macchia del nostro cognome, papà e mamma… mah, siamo lì. Seguii il consiglio di nonna Leonor, andai in California, oasi di libertà, e mi laureai al College of Arts in disegno industriale”.
    Mariotto è testimonial del Moige, parla di bullismo nelle scuole: “E dico sempre ai ragazzi; se vedete un bullo in azione, segnalatelo. Non lasciate da sola la vittima: sennò siete complici anche voi”. LEGGI TUTTO

  • in

    ”Non credo avrò mai un altro amore come Eleonora Pedron, metà del mio cuore è ancora dedicato a lei”: confessione di Max Biaggi

    Il pilota 52enne si lascia andare parlando dell’ex 41enne, madre dei suoi due figli, ora legata a Fabio Troiano
    I due sono stati una coppia dal 2007 al 2015 e sono genitori di Inés e Leon, 14 e 13 anni

    Max Biaggi non ha dimenticato l’ex a cui è stato legato dal 2007 al 2015. L’ex campione di moto 52enne affida alle pagine del Corriere della Sera la sua confessione. “Non credo avrò mai un altro amore come Eleonora Pedron, metà del mio cuore è ancora dedicato a lei”, svela. Dalla 41enne, ex Miss Italia, ha avuto i suoi due figli di 14 e 13 anni. La conduttrice e modella ora è legata a Fabio Troiano, con cui vive una lunga e bella storia d’amore.
    ”Non credo avrò mai un altro amore come Eleonora Pedron, metà del mio cuore è ancora dedicato a lei”: confessione di Max Biaggi
    Quando gli si domanda perché viva a Monte Carlo, dove abita pure la Pedron, Max spiega: “Una scelta fatta 34 anni fa, lì sono nati i miei figli, Ines Angelica 14 anni, e Leon Alexander 13 anni tra un mese, naturalmente ci vive anche la mia ex compagna Eleonora Pedron, la mamma dei miei figli: siamo sereni, stiamo bene”.
    Biaggi non fa vita mondana nel Principato: “Anche no. Ribadisco: giornate serene. Il glamour, la mondanità di Montecarlo, lo stretto necessario imposto dal mio ruolo, da quelle relazioni che devo conservare e curare. I miei figli studiano, crescono bene, hanno le loro amicizie, mai pensato di togliere loro quello che sono riuscito a dargli, viviamo tutti insieme nel giro di 500 metri di distanza”. Lì si pagano meno tasse, lui chiarisce: “Sicuramente si gode di una tassazione agevolata. Ma se le cose sono fatte bene, con serietà, non ci vedo nulla di scorretto”.
    Il pilota 52enne si lascia andare parlando dell’ex 41enne, madre dei suoi due figli, ora legata a Fabio Troiano. I due sono stati una coppia dal 2007 al 2015 e sono genitori di Inés e Leon, 14 e 13 anni
    Lo sportivo svela anche il perché dei nomi spagnoleggianti dei figli: “Inés lo ha scelto Eleonora, mi piace molto. Leon ha una motivazione sportiva: lottavo per il titolo mondiale contro Leon Haslam e mi sono detto: se riesco a batterlo chiamerò mio figlio col suo nome, così è stato. Guarda un po’, dopo Haslam ha chiamato suo figlio Max, come me”.
    Max e la Pedron hanno ruoli definiti come genitori: “Eleonora è cuore di mamma, io svolgo il ruolo del genitore più rigido che a volte deve dire di no”. I ragazzi sono ormai adolescenti, un’età complicata: “Proprio così, quella dell’adolescenza. Gli stiamo vicini, io magari con maggiore apprensione, se si concedono qualche uscita serale, una pizza con gli amici, voglio sapere dove sono, ma alle 10 a casa, mi raccomando. E quando rientrano mi chiamano”.
    Inevitabilmente arriva la domanda su un possibile nuovo amore. Max però è single, confessa che è ancora legato all’ex: “No, sto bene così. Le regalo una perla della mia vita… Sto da solo per scelta, il 50 per cento del mio cuore è dedicato a Eleonora, la mia ex compagna, la mamma dei miei figli. La parte più bella, dal punto di vista sentimentale, l’ho già vissuta. Non credo che avrò più un altro amore che potrà regalarmi le stesse emozioni. Eleonora ha un altro compagno, ci sentiamo tutti i giorni, ci vediamo, viviamo bene”. E chiarisce ancora che questa non è certo una scelta di castità: “Ma no, affatto. Ho le mie frequentazioni, però ora davanti a me c’è un focus preciso: l’amore per i miei figli e la loro crescita. Se in futuro avrò esigenze diverse, le affronterò”. LEGGI TUTTO

  • in

    ”Con 600 euro al massimo compri un paio di scarpe”: Federico Fashion Style parla della riappacificazione con Antonella Mosetti

    Il 34enne e la 48enne hanno deposto le armi a inizio novembre, con tanto di foto social
    Lui commenta: “Mi ha dato un bacio sulla bocca. Sono dell’idea che i soldi non diano la felicità”

    C’era in ballo con contenzioso per un conto mai pagato, con tanto di scambio di accuse reciproche andate avanti per anni. Federico Fashion Style parla della riappacificazione con Antonella Mosetti. Il 34enne e la 48enne hanno deposto le armi a inizio novembre, con tanto di foto social. L’hair stylist di tante vip, tirando in ballo la somma che la showgirl non gli avrebbe saldato, al Corriere della Sera dice: “Con 600 euro al massimo compri un paio di scarpe”.
    ”Con 600 euro al massimo compri un paio di scarpe”: Federico Fashion Style parla della riappacificazione con Antonella Mosetti
    Sei saloni ad Anzio, Roma, Milano, Napoli, Firenze e Poltu Quatu, sulle famose andate da lui Federico Lauri dice: “La prima è stata Valeria Marini che mi ha portato fortuna. Poi Francesca Pascale, Belen, Rocìo Munoz Morales, Laura Pausini, Claudia Galanti, Aida Yespica, Manuela Arcuri, Barbara d’Urso e tante altre”. Gli piacerebbe avere sotto le sue mani Jennifer Lopez e Maria De Filippi. Si vedrà.
    Il 34enne e la 48enne hanno deposto le armi a inizio novembre, con tanto di foto social
    Immancabilmente si parla della polemica sui costi eccessivi nel suo salone. Il parrucchiere chiarisce: “Da me la piega costa 25 euro. Certo, se sommi extension, shatush, trattamento alla cheratina, il prezzo sale. Non conta se mangi nel ristorante stellato, ma quanto mangi. Se entri con i capelli cortissimi ed esci con cinque file di extension è facile che lo scontrino segni 2.000 euro”. E conclude: “Non bisogna avere vergogna a chiedere prima un preventivo, semmai la vergogna si prova dopo a lamentarsi”.
    Sulla pace con la Mosetti Federico chiarisce: “Ci siamo rivisti da poco. Mi ha dato un bacio sulla bocca. Sono dell’idea che i soldi non diano la felicità. E poi con 600 euro cosa fai? Al massimo compri un paio di scarpe”.
    Lui commenta: “Mi ha dato un bacio sulla bocca. Sono dell’idea che i soldi non diano la felicità”
    Legato per 17 anni a Letizia Porcu, da cui nel 2017 grazie alla fecondazione assistita ha avuto la figlia Sophie Maelle, Lauri ha poi fatto coming out: “Per me non era facile, dovevo fare i conti con il giudizio, mia figlia, il lavoro. Ma per 17 anni siamo stati una coppia vera. Stavo bene con Letizia e, quando la nostra storia è finita, ho voluto parlarne io pubblicamente. Ho detto che non c’è differenza tra l’amare un uomo, una donna o una pianta. E il giorno dopo il fioraio mi ha recapitato un salice piangente. Sul bigliettino c’era scritto: ‘vorrei essere io la tua pianta’”.
    Adesso Federico è single: “In questo momento solo frequentazioni. Voglio essere libero senza precludermi nulla. Chissà, magari mi innamorerò di una donna”. LEGGI TUTTO

  • in

    ”Certe cose non sono fatte per essere portate in tv”: Alice De André lancia stoccata alla sorella Francesca

    La 24enne, quarta figlia di Cristiano De Andrè, attrice, ha un bellissimo rapporto col padre
    Sulla sua famiglia allargata dice: “Non ce ne stiamo a passare le feste in armonia”

    Alice De Andrè, quarta figlia di Cristiano, nipote di Faber, si racconta sulle pagine del Corriere della Sera. La 24enne nata dall’unione del cantante con l’ex Sabrina La Rosa, non guarda la televisione. Non capisce proprio alcuni talk show e i reality. Lancia così una stoccata alla sorella Francesca, che più volte in passato ha parlato dei suoi problemi famigliari davanti alle telecamere. “Certe cose non sono fatte per essere portate in tv”, dice.
    ”Certe cose non sono fatte per essere portate in tv”: Alice De André lancia stoccata alla sorella Francesca
    Il papà Cristiano dalla prima moglie Carmen de Cespedes ha avuto altri tre figli: Fabrizia, nata nel 1987, e i gemelli Filippo e Francesca, classe 1990. Alice, attrice, che da sempre studia teatro, ha un buon rapporto con lui, al contrario di Francesca. “Abbiamo un bellissimo rapporto. Poi c’è Filippo, va d’accordo con tutti, lo stimo tanto per questo”, svela. Sulla sua famiglia allargata però dice: “Non ce ne stiamo a passare le feste in armonia”.
    La 24enne ha un bellissimo rapporto col padre
    Su Francesca, che ha partecipato al GF e ha portato in piazza le turbolenze in famiglia e in amore, sottolinea: “Mio parere: certe cose non sono fatte per essere portate in tv”. Lo ha detto senza problemi pubblicamente, anche quando si è parlato del naufragio della relazione sentimentale della parente 33enne. “E sono stata linciata”, chiarisce. Lei in realtà Francesca aveva tentato di difenderla, come le fa notare il giornalista. Alice spiega: “Mi fa piacere che sia stato inteso così, perché ho ricevuto critiche in senso opposto. Dunque mi farò i fatti miei: l’egoismo a volte è sano”.
    Non approva il comportamento della 33enne, che ha portato in piazza i suoi problemi famigliari e non solo
    Vive a Milano col fidanzato, con cui divide le spese della casa. La più piccola dei De Andrè abita al Ticinese, in un bilocale in affitto. Recita nella fiction su Paolo Villaggio. Non ha mai voluto partecipare a salotti televisivi: “Sì. Non fa per me. Salotti in stile d’Urso non li capivo e non li capisco né per chi è oggetto di gossip, né per chi sta a guardare”. Sul piccolo schermo guarda film e serie in streaming. “Sono una ventenne senza la televisione. Quando ho traslocato e l’ho mollata è stata una liberazione”, conclude. LEGGI TUTTO

  • in

    ”Sono una prepotente e volevo comandare”: Annamaria Bernardini de Pace rivela finalmente perché si è tirata fuori dal divorzio Totti-Blasi

    L’avvocata divorzista più temuta d’Italia alla fine si sbottona
    A Sette, inserto del Corriere della Sera, la 75enne si racconta da madre di Francesca e Chiara

    Annamaria Bernardini de Pace si racconta da madre di Francesca e Chiara, le due figlie avute dall’ex marito Francesco Giordano. A Sette, inserto del Corriere della Sera, confida: “Volevo fare la mamma e basta tutta la vita”. Nel corso dell’intervista rivela anche, finalmente, perché si è tirata fuori dal divorzio Totti-Blasi. “Sono una prepotente e volevo comandare”, ammette l’avvocato divorzista più temuto d’Italia.
    ”Sono una prepotente e volevo comandare”: Annamaria Bernardini de Pace rivela finalmente perché si è tirata fuori dal divorzio Totti-Blasi
    La legale di sé racconta: “Io per essere esageratamente madre sono stata 5 anni da una psicanalista junghiana, che mi ha detto che sbagliavo a farmi coinvolgere troppo. Ero andata perché per il mio lavoro mi occupo di dolori familiari e non riuscivo più a distinguere il dolore dei clienti dal mio. Ho scelto una junghiana perché avevo sempre letto Jung come produttivo di aspetti benefici per il futuro, anziché come Freud indagatore degli aspetti malefici del passato. E lei ha subito notato in me questo esagerato esprimersi nella maternità, anche se poi mi sono fermata quando è finito l’amore”. 
    “Per me è dall’amore che devono nascere i figli ed è con amore che devono crescere – prosegue la Bernardini de Pace –  Tanto che dico ai miei clienti: voi grandi mi pagate, ma io difendo i vostri figli, non voi. Ho mollato un sacco di clienti rinunciando al mandato perché non rispettavano i loro figli”. 
    L’avvocata divorzista più temuta d’Italia alla fine si sbottona sul motivo della sua decisione in quello che è stato il crack più fragoroso degli ultimi tempi tra il 46enne e la 42enne
    Immediatamente il riferimento va alla vicenda che ha catalizzato i media, quella tra l’ex capitano della Roma 46enne e la conduttrice 42enne. Annamaria era stata scelta da Totti come suo avvocato. Poi, però, dopo poco lei ha deciso di mollare tutto. “E’ andata così nel caso Totti?”, le viene chiesto. La Bernardini de Pace ribatte perentoria e lapidaria: “E’ andata così perché c’era troppa gente intorno, e io sono una prepotente e volevo comandare”. Di più non aggiunge.
    Poi la legale spiega perché ora preferisce tutelare gli uomini nei divorzi: “Oggi sono loro le vittime. Quando ho cominciato a occuparmi del diritto di fa- miglia, nel 1987, le donne erano la parte debole: venivano trattate a qualsiasi livello sociale come baby sitter di lusso. Anche l’assegno che veniva dato loro era ridicolo così a fine anni Ottanta ho sviluppato il concetto di tenore di vita che purtroppo l’anno scorso la Cassazione ha eliminato. Ma le donne nel frattempo hanno raggiunto gli uomini come capacità economiche. Quindi non ha senso che vengano gratificate di qualcosa che possono fare da sole. Ora devo proteggere la parte debole. In questo momento ho il 70 per cento di uomini come miei clienti perché voi non avete idea di cosa sono diventate le donne. Prepotenti, arroganti, furbe”. LEGGI TUTTO

  • in

    Francesco Totti torna a parlare pubblicamente del divorzio da Ilary Blasi: ecco cose vuole, le parole in una nuova intervista

    Sulla conduttrice 42enne: “Abbiamo passato venti anni insieme, con tanti momenti molto belli”
    L’ex capitano della Roma ammette: “Vorrei solo vivere la vita con più serenità e tranquillità”

    Francesco Totti a 47 anni compiuti vuole “serenità e tranquillità” nel suo futuro. Lo confida a Walter Veltroni in una nuova intervista al Corriere della Sera. L’ex capitano della Roma, campione del mondo con l’Italia nel 2006, si racconta, svelando anche il suo privato. Torna a parlare pubblicamente del divorzio da Ilary Blasi. Con l’ex moglie desidera “equilibrio”.
    Francesco Totti torna a parlare pubblicamente del divorzio da Ilary Blasi: ecco cose vuole, le parole in una nuova intervista
    Lo sportivo si sente un po’ più solo da quando è morto il papà, tre anni fa. La sua scomparsa è pesata. “Tanto, era il mio punto di riferimento, era il fulcro della mia vita. Mi mancano il suo sorriso, lo sguardo, la sicurezza che era capace di darmi. Anche oggi, se lo vedessi solo dieci secondi al giorno, mi basterebbe per stare meglio. Pure se non ci dicevamo una parola, ci capivamo. Lui parlava poco. Io peggio di lui. Ma quei silenzi erano pieni. Lui veniva la mattina a Trigoria, portava cornetti, pizza per tutti. Magari non ci incontravamo, ma sapere che c’era mi dava serenità”, svela.
    Forse è proprio questo vuoto ad aver contribuito alla fine del matrimonio con la conduttrice 42enne da cui ha avuto Cristian, che il 6 novembre compirà 18 anni, Chanel, 16, e Isabel, 7. Prima c’era stato l’addio al calcio.
    A Francesco manca tutto del suo passato da calciatore: “Il ritiro, lo spogliatoio, la maglietta, la sala massaggi. Cavolate? No, erano la mia vita. Mi manca il bar e il caffè con i compagni di squadra, il viaggio in pullman da Trigoria allo stadio. Mi manca la routine che ha fatto la mia vita per decenni. Quando è finita le giornate si sono svuotate. Dopo mi sono sentito solo. Ma ci sta. Finiva una cosa che mi piaceva, che era la mia vita. Io però non pensavo che mi facesse così male smettere quella vita programmata, quella passione che nella mia mente avrei potuto continuare a vivere. Non ho accettato il distacco dal calcio”.
    Lo sportivo 47enne con la conduttrice 42enne desidera trovare un nuovo equilibrio per il bene dei tre figli
    Tanti cambiamenti, tante piccole crepe: è probabile abbiano portato all’addio a Ilary e all’inizio di una nuova storia d’amore con Noemi Bocchi. Veltroni gli fa notare: “Eravate una coppia molto bella”. Totti replica: “Noi due abbiamo passato venti anni insieme, con tanti momenti molto belli. Ora vorrei solo che trovassimo un equilibrio tra noi capace di proteggere i ragazzi che sono la più grande ragione, per ambedue, di amore. So che non è facile, ma quello che c’è stato tra noi, per tanti anni, è stato importante. Se troviamo questo equilibrio noi due, i ragazzi staranno bene e si sentiranno protetti”. Francesco, dopo mesi turbolenti e chiacchierati, fatti di accuse e ripicche, manda segnali di pace alla Blasi. Lei e i suoi avvocati li coglieranno o la battaglia legale in tribunale tra i due continuerà?
    Intanto Francesco, quando gli si domanda cosa speri nel suo futuro, svela: “Il mio sogno è di realizzare un altro sogno. Prima ne avevo uno, e sono riuscito a trasformarlo in realtà. Vorrei averne un altro, lo sto cercando. Ora vorrei solo vivere la vita con più serenità e tranquillità, dopo tutti i problemi che ci sono stati”. LEGGI TUTTO

  • in

    ”Quando faccio questa richiesta gli agenti immobiliare mi guardano come se fossi matta”: Dolcenera parla della casa dei suoi sogni

    Vive a Firenze col compagno, ma vuole acquistare casa a Milano e tornarci di nuovo
    La cantante pugliese 46enne è innamorata del capoluogo lombardo, dove ha vissuto per 18 anni

    Dolcenera, all’anagrafe Emanuela Trane, ora vive a Firenze con il suo compagno e manager, Gigi Campanile, ma sogna Milano. Vuole compare casa nel capoluogo lombardo, dove ha vissuto per ben 18 anni. La cantante al Corriere della Sera parla della sua casa dei sogni e svela: “Quando faccio questa richiesta gli agenti immobiliare mi guardano come se fossi matta”.
    ”Quando faccio questa richiesta gli agenti immobiliare mi guardano come se fossi matta”: Dolcenera parla della casa dei suoi sogni
    La pugliese 46enne è da anni che tenta di comprare un appartamento a Milano. “Ci provo da quasi 20 anni, forse fino ad ora il karma non mi ha aiutata, ma sono fiduciosa”, sottolinea. E racconta: “Ci sono stata 18 anni fa e ho avuto un colpo di fulmine. Abitavo, in affitto, in corso San Gottardo, vicino piazza XXIV Maggio. Proprio lì, non lontana dai Navigli, ho sentito un’affinità energetica per la vitalità e l’onda di persone (giovani e non) che mi travolgeva. Avevo trovato anche un appartamento da comprare ma alla proposta di acquisto mi hanno chiesto di pagare tutta la cifra in nero. Io ho risposto: ‘Siete pazzi!’”.
    Dolcenera non si è data per vita: “Nel 2020 sono atterrata in aereo a Malpensa dopo una vacanza in Africa e il mio primo pensiero (già guardando dal finestrino) è stato ‘mi fermo a Milano e cerco casa’. E’ scoppiata la pandemia da Covid e sono dovuta tornare a Firenze per il lockdown”.
    La 46enne vive a Firenze col compagno, Gigi Campanile, ma vuole acquistare casa a Milano e tornarci di nuovo
    La Trane è appagata da Milano: “Mi ricarica con i suoi slanci creativi, dagli eventi culturali all’architettura. Resto affascinata dal “fatto bene”, design o moda. Penso che la classe delle milanesi faccia parte del loro Dna e contagi chi sceglie di vivere qui. Sviluppare il senso del bello non è poi così scontato. Una guerra viene fatta perché un uomo o un gruppo di uomini decide di non vederlo più. Invece, la bellezza ci allena all’amore”.
    Poi confida la strana richiesta che fa: “Voglio vivere proprio sopra a un locale milanese, voglio sentire il caos. Gli agenti immobiliari mi guardano come se fossi matta quando faccio questa richiesta. Ma io ho bisogno di vivere la gente”. Il suo posto del cuore è lo stadio di San Siro. LEGGI TUTTO