More stories

  • in

    Lite per un sorpasso, pestato un uomo di 73 anni: finisce in ospedale con prognosi riservata

    Aggredito dopo una lite per alcuni sorpassi, pestato e mandato in ospedale con la mandibola rotta. Minuti di follia nel pomeriggio a Santo Stefano Belbo nel Cuneese, la vittima è un pensionato di 73 anni , l’aggressore è fuggito ma in poche ore i carabinieri della compagnia di Alba sono riusciti a rintracciarlo.  Tutto è […] LEGGI TUTTO

  • in

    Appalti gonfiati, forniture farlocche e ospedali mai aperti, ecco il grande sacco italiano del Covid

    Al principio fu una scatola di cartone. Con dentro una fascetta di soldi: 8mila euro. Una mazzetta. “In Italia c’è questa cosa del Coronavirus…”. E’ passato un anno, e dalla prima tangente scoperta dalla Guardia di Finanza a Nichelino, alle porte di Torino – un’imprenditrice la portava a un funzionario del Comune, nello stesso momento […] LEGGI TUTTO

  • in

    Covid, da domani a casa uno studente su tre, il Moige lancia l'allarme: “Finiti congedi e ferie”. Bonetti: “Ci stiamo lavorando”

    Oltre 3 milioni di studenti da domani, primo marzo, seguiranno le lezioni da casa: 800 mila della scuola d’infanzia e primaria; quasi mezzo milione delle medie; 1 milione e 800 mila delle superiori. A fare i conti è “Tuttoscuola”, che calcola che uno su tre degli 8,5 milioni di iscritti resterà a casa.
    Chiudere le scuole, senza considerare le ricadute economiche sulle famiglie e psicosociali sui ragazzi, potrebbe rivelarsi un boomerang sull’intero sistema Paese. Antonio Affinita, direttore del Moige, il Movimento italiano dei genitori, evidenzia il grave problema di quella schiera di genitori che non possono lavorare in smartworking perché la loro professione richiede la presenza ma che hanno finito i congedi parentali e le ferie per stare a casa coi figli. “È necessaria una riflessione più acuta, più profonda che vada al di là delle problematiche sanitarie della chiusura delle scuole. Serve ampliare la riflessione sulle conseguenze didattiche, pedagogiche, sociali ed economiche e c’è un allarme che giunge al Moige: i genitori non hanno più congedi e neanche ferie per poter stare a casa con i loro figli minori”.

    Contagi in aumento, scuole a rischio. Il governo al Cts: diteci se richiudere
    di Corrado Zunino 26 Febbraio 2021

    “La situazione si fa critica – spiega Affinita – per coloro che hanno un lavoro obbligatoriamente da svolgere in presenza ed hanno esaurito congedi, ferie e quant’altro permetteva loro di stare a casa con i figli. È quindi necessario reintegrare il congedo retribuito integrale. Non si può scaricare sulle famiglie i costi e le conseguenze di questa pandemia. Il governo e le istituzioni tutte devono tener conto di questa situazione e trovare una soluzione che comprenda sia l’aspetto epidemiologico, la tutela della salute di tutti, che quello sociale e economico delle famiglie che sono decisamente in difficoltà”.
    Lettere
    La didattica a distanza (e i suoi danni)
    di Umberto Galimberti 27 Febbraio 2021

    Il governo sta cercando una soluzione a questo problema, fa sapere Elena Bonetti a ministra per le Pari opportunità e la famiglia. “Siamo già al lavoro per reintrodurre strumenti come i congedi parentali retribuiti e estesi per età, anche per figli con più di 14 anni. Poi c’è lo smart working per i genitori, ormai come diritto, e altre situazioni particolari come quelle rappresentate dai genitori attivi con partita Iva. Il governo è pronto ma servono indicazioni sui colori delle regioni e per le chiusure” ha spiegato Bonetti parlando a SkyTg 24. “Tutti questi provvedimenti – ha aggiunto – saranno inseriti nel primo documento in uscita e avranno modalità reotroattiva, con lo stesso schema della prima fase delle chiusure. Su questo il Mef sta lavorando e non abbiamo al momento una data precisa” per l’entrata in vigore delle norme.

    La newsletter

    Le varianti e l’allarme scuola
    di Ilaria Venturi ,  Corrado Zunino 27 Febbraio 2021

    Argomenti LEGGI TUTTO

  • in

    Morti gli ultimi due ergastolani nazisti condannati in Italia

    Gli ultimi due militari di guerra tedeschi superstiti condannati definitivamente all’ergastolo per l’uccisione indiscriminata di militari e civili italiani sono morti: si tratta, come conferma all’Ansa il procuratore generale militare Marco De Paolis, del centenario Karl Wilhelm Stark, accusato di vari eccidi commessi nel 1944 in varie località dell’Appennino tosco-emiliano e di Alfred Stork (97 […] LEGGI TUTTO

  • in

    Maturità, partono domani i test Invalsi

    Partono da domani i test Invalsi di IItaliano, Matematica e Inglese (lettura e ascolto) nelle quinte superiori per i ragazzi che faranno gli esami di maturità. “Siamo pronti – dice la presidente Invalsi, Anna Maria Ajello – è stata allargata la finestra per far svolgere le prove, le scuole hanno più tempo e potranno convocare […] LEGGI TUTTO