in

Ddl Nordio, dall’abrogazione dell’abuso di ufficio al traffico di influenze: cosa prevede

Introduzione

È ora in discussione alla Camera il disegno di legge Nordio che apporta modifiche sostanziali all’ordinamento giudiziario. Qualche giorno fa è stata approvata la cancellazione dell’abuso di ufficio, definito dal Guardasigilli un “reato evanescente, che serve soltanto a intimidire i pubblici amministratori. Su circa 5 mila procedimenti pendenti in un anno le condanne si contano sulle dita di una mano, peraltro condanne collegate con reati connessi”.

Nel provvedimento sono previsti anche limiti alla pubblicazione delle intercettazioni da parte dei giornalisti, l’aumento delle pene minime per il traffico di influenze e l’impossibilità per i PM di appellarsi alle assoluzioni per reati di “contenuta gravità”. Presente nel testo anche l’obbligo di includere nell’informazione di garanzia una “descrizione sommaria del fatto”, a oggi non prevista

Unicorn Mobility sigla un accordo con Webranking per il noleggio di e-bike

”Sono righe dolorose”: Clio MakeUp annuncia la fine del matrimonio col padre delle figlie