in

Airbus, arriva il nuovo modello: le novità sui voli intercontinentali


I punti chiave

È una novità destinata a cambiare (in meglio) l’approccio con i voli a lungo raggio, quelli intercontinentali, con un maggiore comfort per i passeggeri ma soprattutto una riduzione dei costi (fino al 45%) e sul consumo di carburante (-30% rispetto alle rotte attuali), nonostante sia in grado di volare senza sosta per quasi novemila chilometri. Dal prossimo autunno Airbus sarà lieta di presentare ai suoi clienti il nuovo modello A321Xlr che adesso si trova nelle fasi finali di assemblaggio.

La novità del corridoio

La “rottura” rispetto al passato sarà rappresentata dal singolo corridoio, un unicum nel panoarma degli aerei per voli intercontinentali che ne presentano sempre due. Questa innovazione non diminuirà il comfort offerto dagli Airbus A330 e A350 ma ne migliorerà le prestazioni dal momento che si potrà volare senza scalo da Milano in Canada, ad esempio, o da Milano a qualsiasi città africana. Il avrà 182 posti (ma se ne potranno installare molti di più), una parte riservata all’area Business e un’altra per l’Economy ma con un comfort maggiore grazie, ad esempio, alle cappelliere più ampie e in grado di contenere fino al 60% in più di bagagli a mano.

La cabina sarà dotata di sei diverse illuminazioni in base all’esigenza (volo diurno o notturno): per la prima volta saranno presenti anche 14 posti singoli vicino al finestrino ma che potranno collegarsi facilmente con l’unico corridoio. Rivisti anche i sedili che dovrebbero offire maggiore benessere rispetto a modelli simili sui voli a lungo raggio. Chi prenoterà in Business si ritroverà anche una tv da 18 pollici in 4K con immagini molto più nitide e un servizio per tutte le ore del viaggio. Tra le altre novità sarà possibile collegarsi (ma accade già sul lungo raggio) con il servizio Wi-Fi. I bagni saranno quattro e tutti con superfici antibatteriche, i rubinetti si apriranno con il passaggio della mano e un cestino rifiuti dotato di un pedale.

Chi ha ordinato il nuovo Airbus

Fioccano gli ordini con Iberia che sarà la prima compagnia mondiale ad avere i propri passeggeri a bordo sul volo inaugurale Madrid-Boston previsto per novembre. Gli ordini maggiori sono arrivati, fino a questo momento, da IndiGo che ne ha presi ben 69 per arricchire la sua flotta seguita da American e United Airlines con 50 nuovi aerei a testa e WizzAir (47), la low cost che in questo modo si inserità nel mercato intercontinentale. Nel caso di IngiGo e WizzAir, l’intenzione è quella di montare a bordo del nuovo Airbus circa 240 sedili così da poter trasportare un buon numero di passeggeri.

Quali sono le cifre

Il nuovo A321Xlr vale attualmente una cifra compresa tra 40 e 65 milioni di dollari mentre il noleggio costa mediamente qualcosa come 375-450 mila dollari al mese. Questo modello è molto simile al modernissimo A321Neo acquistato anche da Ita Airways ma, come detto, con la novità del singolo corridoio. È stato implementato anche il serbatoio con uno posizionato al centro dalla capacità di circa 13mila litri. Airbus stima che con questo nuovo velivolo potranno decollare anche i profitti superando i 10 milioni di dollari perché i costi operativi sul lungo raggio saranno nettamente inferiori agli attuali Airbus o, per fare un paragone con la concorrenza, si risparmierà anche rispetto alle cifre spese dai Boeing 777 o 787.

L’A321Xlr è un aereo molto interessante perché ha il potenziale per fare qualcosa di simile a quello che fa il 787. Sarà in grado di aprire nuovi mercati, evitando il passaggio attraverso un hub, evitando così la concorrenza.

Inoltre può servire mercati che, fino ad oggi, richiedevano aeromobili a doppio corridoio”, spiega al Corriere Addison Schonland, esperto di AirInsight. Di conseguenza, se i risparmi riguarderanno molte voci, ne beneficeranno anche le tasche dei passeggeri con un taglio sui costi dei biglietti.


Fonte: https://www.ilgiornale.it/taxonomy/term/40822/feed


Tagcloud:

L’ambigua strategia di Iliad che ha spento le tlc italiane

In Antartide gli scienziati sviluppano una lingua loro