in

Gli smartphone ricondizionati pesano di meno sull’ambiente



Gli smartphone ricondizionati sono vantaggiosi per l’ambiente, questo quanto emerso da una ricerca di Swappie, e-commerce del settore.

Un cellulare nuovo apporta nell’ambiente il 78% in più di Co2 fra produzione, trasporto, utilizzo e smaltimento.

Gli smartphone ricondizionati sono pro ambiente

Ogni anno vengono immessi sul mercato sempre nuovissimi modelli di smartphone ma ci siamo mai soffermati sul loro impatto ambientale?

Proprio così, i cellulari nuovi di zecca contribuiscono a immettere nell’ambiente una grande quantità di Co2 in relazione ai diversi processi che attraversano prima di finire nelle nostre tasche.

Il Report di Impatto Ambientale realizzato da Swappie, un e-commerce che si occupa di compravendita di smartphone usati e ricondizionati, parla chiaro.

Questo ha evidenziato che uno smartphone nuovo produce il 78% di Co2 fra cui: l’80% nella fase di produzione, 3% durante il trasporto, 16% per il normale utilizzo e l’1% per le operazioni di smaltimento.

Ogni anno l’industria elettronica produce tonnellate di Co2 in tutto il mondo e gli smartphone sono uno degli elementi maggiori che causano questo poiché ne vengono prodotti sempre di nuovi e così la quantità di anidride carbonica aumenta.

Basti pensare che il settore è responsabile del 3% delle emissioni a livello globale.

Per questo motivo l’e-commerce Swappie ha pubblicato questa ricerca cercando non solo di acquisire nuovi clienti ma anche di sensibilizzare sul tema dell’inquinamento ambientale.

Comprare uno smartphone ricondizionato elimina la fase di produzione, la più dannosa in termini di rilascio di anidride carbonica, per sostituirla con passaggi più semplici che ne sprigionano solo il 2%.

Produrre un nuovo cellulare richiede infatti elementi particolari che arrivano per lo più dall’estrazione mineraria. Tutto ciò ha un impatto negativo per l’ambiente ma si può aggirare tutto ciò acquistando, fra l’altro a un prezzo notevolmente più conveniente, un dispositivo ricondizionato.

La ricerca di Swappie spiegata dal Ceo

Il CEO e fondatore della società Swappie, Sami Marttinen, ha confermato che all’inizio dell’attività nel 2016 erano pochissimi coloro che sceglievano un cellulare ricondizionato mentre oggi circa un milione di persone in tutta Europa fa questa scelta sostenibile.

“gli utenti che scelgono questa strada hnno evitato nel 2021 l’emissione di 23mila tonnellate di co2”.

Martinen ha anche parlato della crisi climatica che il pianeta sta affrontando per siccità e alluvioni che si intervallano, distruggendo intere frazioni.

“le cause sono numerose ma sicuramente il comportamento dell’uomo peggiora la situazione. dobbiamo raddoppiare l’impegno e ricordare che ognuno ha il suo impatto nell’ambiente in base alle scelte che compie”.

Con queste parole il numero 1 di Swappie ha evidenziato che l’anidride carbonica che immettiamo nell’aria ha un impatto negativo e concorre alla crisi climatica di un futuro non troppo lontano.

Cosa è uno smartphone ricondizionato

Un cellulare ricondizionato è un dispositivo che è stato restituito perché presentava un difetto e nella maggior parte dei casi si tratta di prodotti pari al nuovo.

A volte addirittura non hanno difetti ma il compratore ha cambiato idea e così ha deciso di sostituire il suo acquisto.

In entrambi i casi i difetti vengono riparati e il cellulare torna come nuovo sia dal punto di vista tecnico che per quanto riguarda la vita della batteria, primissimo elemento che viene controllato e migliorato.

Con il processo di ricondizionamento lo smartphone viene riportato alle impostazioni di fabbrica, questo significa che a un prezzo molto conveniente, l’utente può acquistare un prodotto pari al nuovo.

Ovviamente ci sono diverse tipologie di dispositivi ricondizionati e bisogna prestare attenzione anche ad eventuali difetti estetici prima dell’acquisto.

Con il ricondizionato si aiuta l’ambiente riducendo l’anidride carbonica e la quantità di rifiuti hardware che necessitano di operazioni di smaltimento particolari.

Il rapporto qualità/prezzo è eccellente, così come l’impatto sull’ambiente.


Fonte: https://www.nanopress.it/s/tecnologia/feed/


Tagcloud:

Sottogoverno e presidenze Commissioni parlamentari: ecco lo schema del centrodestra per spartire 56 posti

Fini torna in Tv: il fondatore di An ricuce con la Meloni e rompe il silenzio