in

Elon Musk nuovo proprietario di Twitter: licenziati diversi dirigenti

Dopo mesi di tergiversazioni, Elon Musk ha acquisito Twitter per 44 miliardi di dollari. La sua prima azione è stata licenziare il suo capo, Parag Agrawal, e altri due dirigenti.

Il miliardario americano ha ufficializzato l’acquisizione di Twitter giovedì 27 ottobre dopo una lunga lotta con l’ex management. Elon Musk promette di rivedere il funzionamento di Twitter per garantire la libertà di espressione. Intanto, ha già licenziato il capo Parag Agrawal e altri due dirigenti.

Elon Musk compra ufficialmente Twitter

L’uccellino è libero“. È con questa breve dichiarazione che Elon Musk ha ufficializzato la sua acquisizione del social network Twitter venerdì 28 ottobre 2022.

Una data che è stata anche l’ultima scadenza offerta dalla giustizia per porre fine alla transazione tra il miliardario sudafricano – naturalizzato americano – e l’ex dirigenza della piattaforma blue bird che si trascina dalla primavera del 2022.

Dopo mesi di disaccordi, in particolare sul numero di account fake che sarebbero stati sottovalutati secondo il boss di Space X e Tesla, Elon Musk è riuscito ad acquistare Twitter al prezzo offerto lo scorso aprile, ovvero 44 miliardi di dollari.

Un acquisto fatto non senza risentimento e, in parte, forzato perché se l’uomo più ricco del mondo si è impadronito della società americana è stato anche per evitare un processo. Nel tweet, in cui ha annunciato l’acquisizione della piattaforma di microblogging, lo stravagante miliardario, però, esprime il desiderio di costruire “una città digitale comune dove si possa dibattere in modo sano un’ampia gamma di credenze, senza ricorrere alla violenza“. Ha aggiunto “non per i soldi” ma per “aiutare l’umanità” e per il “bene della civiltà“.

Cosa cambia per Twitter?

L’acquisizione di Twitter da parte di Elon Musk non arriva senza cambiamenti radicali. Il miliardario ha già annunciato il licenziamento dell’ex boss di Twitter, Parag Agrawal e di altri due leader della piattaforma secondo quanto riporta il Washington Post.

Licenziamenti che potrebbero essere i primi di una lunga lista: qualche giorno fa, infatti, vi abbiamo anticipato che licenziamenti del personale di Twitter potrebbero arrivare al 75% sui 7.500 dipendenti del social network.

Musk giustifica la sua acquisizione di Twitter con il suo desiderio di difendere la libertà di espressione. L’uomo vuole che Twitter sia una piattaforma in cui tutte le opinioni possono essere espresse senza diventare un luogo “infernale“.

Al di là della difesa della libertà di espressione, l’acquisizione di Twitter da parte di Elon Musk fa parte di un progetto più ambizioso del miliardario: “X” che dovrebbe diventare un’applicazione multiuso.

A lungo termine, il social network potrebbe quindi combinare e offrire diversi servizi di messaggistica, servizi di pagamento e, naturalmente, le tradizionali funzionalità del social network. Il progetto si preannuncia lungo e soprattutto costoso.

Perché Elon Musk ha acquistato Twitter?

All’inizio del 2022 Elon Musk si interessa sempre di più a Twitter. A fine marzo 2022 chiede ai suoi seguaci se pensano che questo social network protegga la libertà di espressione e accenna alla possibilità di creare una rete concorrente.

Una settimana dopo, è entrato nel capitale della società acquistando il 9,2% delle azioni. Diventa così il primo azionista, il che fa saltare il prezzo delle stesse azioni. Il giorno successivo, nel social network è integrato un pulsante di modifica, che consente di correggere un tweet pubblicato.

Infine, il 14 aprile, Elon Musk presenta un’offerta per l’acquisto di tutte le azioni di Twitter, ciascuna a 54,20 dollari. Dieci giorni dopo, il 25 aprile 2022, acquisisce tutte le azioni di Twitter per la cifra di 44 miliardi di dollari.


Fonte: https://www.nanopress.it/s/tecnologia/feed/


Tagcloud:

Meloni, corsa contro il tempo su manovra ed energia. Lunedì la scelta dei sottosegretari

Palazzo Chigi informa i ministeri: Meloni va chiamata «il Signor Presidente del Consiglio dei Ministri»