in

Ultimi comizi: Meloni punta su Bagnoli, il Pd a piazza del Popolo

2′ di lettura

Da Milano a Napoli passando per Roma: sono le città nelle quali i leader dei partiti politici hanno deciso di tenere i comizi finali della loro campagna elettorale. L’obiettivo per tutti è fare di tutto per conquistare, in queste ultime ore, il consenso dei tanti indecisi che, com’è noto, potrebbero scegliere se andare o meno a votare proprio all’ultimo momento.

Dopo la manifestazione unitaria del centrodestra di giovedì a piazza del Popolo a Roma, oggi i tre leader si ritrovano in luoghi diversi. Giorgia Meloni ha scelto Napoli, Arenile di Bagnoli, uno dei luoghi simbolo del Sud, a una manifestazione dal titolo “Coordinate per il futuro”, tra i ragazzi della “generazione Z” come vengono chiamati quelli nati tra il 1997 e il 2012. Proprio nel Meridione la leader di Fdi cerca di contenere l’avanzata del Movimento 5 Stelle che potrebbe sottrarre al centrodestra seggi decisivi per la formazione di una maggioranza sicura. Matteo Salvini punta sul web: una maratona in diretta contemporaneamente su sei social con l’obiettivo di coinvolgere almeno un milione di persone. Silvio Berlusconi sarà a Milano, al Teatro Manzoni.

Loading…

Il giorno dopo la manifestazione del centrodestra a piazza del Popolo, nello stesso luogo ci sarà invece Enrico Letta, pronto a rilanciare nell’ultima occasione possibile la sua proposta per il governo del Paese. Sono previsti gli interventi di Roberto Speranza, Elly Schlein e le conclusioni affidate al segretario.

Sarà a Roma, sul palco allestito a piazza santi Apostoli, in passato scelto dall’Ulivo per festeggiare le sue vittorie elettorali, Giuseppe Conte: il leader del M5S terrà l’ultimo comizio con il suo gruppo dirigente ma senza Beppe Grillo.

Sarà a Napoli, l’ex esponente di punta del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio, leader di Impegno Civico, che chiuderà la sua campagna elettorale al Teatro Sannazaro.


Fonte: http://www.ilsole24ore.com/rss/notizie/politica.xml


Tagcloud:

Von der Leyen: «Se Italia come Ungheria abbiamo strumenti». Salvini: «Parole disgustose»

Besseghini (Arera): fare presto per evitare default nell’energia