in

Elezioni: la direzione del Pd, la bozza del programma

Il segretario Dem presenta in direzione il programma elettorale del Pd, di cui è stata diffusa una bozza di 34 pagine, che ha tre pilastri: sviluppo, lavoro e diritti.

Subito Ddl Zan e matrimonio egualitario“Approveremo subito il Ddl Zan e introdurremo il matrimonio egualitario. Un paese civile non esclude, non emargina, non ghettizza. Le battaglie della comunità LGBTQI+ sono semplicemente richieste di uguaglianza: sono la voce di milioni di italiane e italiani che rivendicano libertà e autodeterminazione, che vogliono pari dignità. Per la destra non è mai il momento, noi crediamo che l’Italia sia già in ritardo”. Lo si legge in una bozza del programma del Partito democratico, in discussione alla direzione nazionale del partito.

500mila alloggi popolari in 10 anni“Lanceremo una nuova stagione di politiche abitative per garantire il diritto alla casa. Lo faremo realizzando 500.000 alloggi popolari nei prossimi 10 anni. Utilizzeremo interventi di rigenerazione urbana per limitare al massimo il consumo di suolo e per dare nuova vita agli spazi meno curati delle nostre città. Perché bellezza, dignità e protezione sociale, possono andare di pari passo”. Lo si legge in una bozza del programma del Partito democratico, in discussione alla direzione nazionale del partito.

Approveremo Ius Scholae e legge su fine vita“Introdurremo lo Ius Scholae, per superare le ingiustificate discriminazioni che ancora oggi vediamo nelle classi italiane. A settembre, bambine e bambini torneranno nelle scuole. Studieranno insieme, mangeranno insieme, giocheranno insieme”. “È il momento di introdurre una norma che non è solo civiltà: è prima di tutto buonsenso. Chi è figlio di genitori stranieri e completa un ciclo di studi in Italia diventa cittadino italiano”. Lo si legge in una bozza del programma del Partito democratico, in discussione alla direzione nazionale del partito. “Approveremo una legge sul fine vita – si legge ancora -, per difendere fino all’ultimo dignità e autodeterminazione, in linea con le indicazioni della Corte costituzionale. Tutte le democrazie avanzate discutono del tema, abbiamo il dovere di fare lo stesso”.


Fonte: http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/politica_rss.xml

Elezioni, Letta: 'Scelta tra Costituzione o suo stravolgimento'

Università, la ministra Messa: “Resta il numero chiuso a Medicina, ma si potrà tentare il test più volte in un anno”