in

Le Borse di oggi, 2 agosto. Nuove tensioni Usa-Cina su Taiwan, listini in calo

MILANO  – Borse europee in calo in scia alla debolezza registrata già in Asia, su cui pesano le tensioni tra Cina e Usa per la visita della speaker della Camera, Nancy Pelosi, a Taiwan mentre il calo degli indici manifatturieri pmi in Europa e Stati Uniti solleva preoccupazioni per la resistenza dell’economia ai venti contrari della guerra, della crisi energetica e dell’inflazione. Milano perde lo 0,84%. A Londra l’indice Ftse 100 cede lo 0,3% a 7.390 punti, a Parigi il Cac 40 arretra dello 0,19% a 6.424 punti e a Francoforte il Dax perde lo 0,45% a 13.419 punti.

Tokyo ha perso l’1,4%, Taiwan l’1,6% e Seul lo 0,4% mentre Hong Kong sta scivolando del 2,2%, Shenzhen del 2,1% e Shanghai dell’1,7% in attesa di capire se la Cina darà seguito alle sue minacce di intervento militare. Tiene Sydney (+0,1%) dopo che la banca centrale australiana, pur aumentando i tassi all’1,85%, ha detto che ulteriori strette non seguiranno un percorso già fissato. Le tensioni geopolitiche pesano anche su Wall Street e le Borse europee, i cui future sono in calo di circa mezzo punto percentuale.Poco mosso il petrolio, con il brent che resta sotto i 100 dollari e il wti sotto i 94 dollari al barile in attesa della riunione dell’Opec+ di domani. Oltre che a Taiwan i mercati presteranno attenzione ai discorsi dei componenti della Fed Charles Evans e James Bullard per avere indicazioni sugli umori nel board della banca centrale americana in tema di stretta monetaria.

09:22

Treasuries in calo

Le tensioni geopolitiche tra Usa e Cina causate dalla visita della presidente della Camera americana, Nancy Pelosi, che è arrivata in Malesia e dovrebbe visitare anche Taiwan, pesano sui mercati e anche sull’andamento dei treasuries americani. Il rendimento del titolo a 10 anni è in calo fino a 9 punti base a 2,5160%, ai minimi da quattro mesi. A spingere in calo i rendimenti dei treasuries anche i dati Usa su manifattura e costruzioni hanno mostrato un rallentamento che potrebbe spingere la Fed a ridimensionare le proprie azioni di politica monetaria.


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml


Tagcloud:

Giancarlo Pagliarini e il furto della borsa con i computer: “Milano è diventata una giungla, in 80 anni mai vista così”

Foreste ridotte del 60%, ora mezzo ettaro a persona