in

Terremoto a Modena, scossa di magnitudo 3,8 in Appennino

MODENA – Una scossa in Appennino modenese, di magnitudo 3,8: è avvenuta alle 17.47, a una profondità di 14 km, l’epicentro nei pressi di Pievepelago. Lo rende noto l’Ingv. Un paio di minuti dopo una seconda scossa di magnitudo inferiore, 3,2 della scala Richter, con epicentro a Fosciandora (Lucca).

Data la vicinanza al confine con la Toscana, anche la prima scossa è stata nettamente avvertita anche al di là della dorsale appenninica, nelle zone di Prato, Lucca e Firenze: lo confermano diverse segnalazioni all’account Twitter dell’Ingv.

Non sono stati rilevati danni a cose o a persone, dalla prima ricognizione che la Protezione civile dell’Emilia-Romagna ha avuto con tutti i sindaci dei Comuni della zona e con i vigili del fuoco. La Protezione civile rimane comunque in stato di allerta, con personale già presente al Centro operativo di Marzaglia (Modena), per monitorare gli effetti del sisma.

Si tratta del quarto terremoto del giorno dopo quelli nelle Marche (nel Piceno, epicentro a Folignano; la scossa più forte ha avuto magnitudo 3,6), nell’area di Genova (4,1, epicentro a Barbagli) e nel Catanese (3,6, epicentro nei pressi di Paternò).


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml


Tagcloud:

Terzo Polo, Renzi: “Non stiamo né con la destra, né col Pd”

Guida Gambero Rosso, ecco le migliori pizzerie della Lombardia: Brescia supera Milano tra le pizze eccellenti