in

Rimini, l'invito di un dirigente a un corso di protezione civile: “Venite in divisa al sabato balilla”. E' polemica

RIMINI – Polemiche a Rimini per un’email inviata dal dirigente comunale alla Protezione civile, Massimo Totti, ai partecipanti di un corso per volontari, in vista dell’adunata degli Alpini prevista a maggio: “Vi invito al sabato balilla per costruire il legame tra noi e imparare da chi è il numero uno in protezione civile”. Riunioni a cui partecipare in “divisa operativa”.

Come racconta la stampa locale, uno dei volontari, Stefano Benaglia, già candidato con Europa Verde alle ultime comunali, ha reso noto il contenuto, protestando: “Personalmente trovo molto offensivo ogni riferimento ad un linguaggio paramilitare e nostalgico di quel periodo oscuro per il nostro paese. Chiedo una spiegazione chiara e pubblica di quanto ricevuto nella mail, nel frattempo ritiro la mia adesione al gruppo comunale di protezione civile”, ha scritto sui social.

Secondo il Resto del Carlino il dirigente comunale prima ha detto di aver fatto “solo una battuta” poi si è scusato per “parole infelici e inopportune”. Il Comune di Rimini avrebbe avviato verifiche valutando azioni disciplinari.

Immediata la reazione anche della Regione con Irene Priolo, assessora alla protezione civile, che denuncia la profonda irritazione della giunta Bonaccini: “Inaccettabile. Lo è perché offende la memoria di una città decorata con la Medaglia d’oro al Valor civile per il sangue versato e la distruzione subita nell’ultima guerra mondiale, una città che ha saputo scegliere aderendo convintamente alla lotta di Liberazione”. Per Priolo “è inqualificabile associare alla Protezione civile rigurgiti frutto di ignoranza e assenza di conoscenza. Le “ironie” in questo caso non sono ammesse, perché ritengo che rappresentino una pericolosa banalizzazione di ciò che è stato. Sulla vicenda si deve chiarire al più presto: l’onorabilità della Protezione civile va preservata”.


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml


Tagcloud:

Festa della Donna: gli eventi in Italia per l’8 marzo

Istat, le famiglie diventano sempre più piccole: una su tre è di una persona