in

Pnrr e verifiche antimafia, 400 assunzioni nelle prefetture

Sono la boccata d’ossigeno che le prefetture aspettavano da mesi per poter far correre le pratiche del Piano nazionale di ripresa e resilienza ma anche per i fondamentali controlli antimafia delle aziende candidate ad incassare i fondi pubblici.

Quattrocento nuove unità di personale assunte a tempo indeterminato arrivano nelle prefetture e negli uffici territoriali del governo dedicati al supporto degli enti locali nell’attuazione dei progetti del PNRR. E’ quanto prevede la disposizione approvata in sede di conversione del disegno di legge 68/2022 (infrastrutture e mobilità), che ne autorizza l’assunzione insieme ad altre 300 unità da assegnare, per le stesse finalità, alle ragionerie territoriali dello stato.

Pandemia e criminalità, Libera: in due anni la mafia ha drenato gli aiuti di Stato. Don Ciotti: “Si muove nell’ombra e dilaga come un virus”

di

Alessandra Ziniti

28 Febbraio 2022

“Si tratta di un fondamentale rafforzamento della dotazione di personale degli uffici statali impegnati a livello territoriale per garantire la piena e corretta realizzazione dei progetti locali legati al Pnrr”, segnala una nota del Viminale. Vengono, in questo modo, “potenziate le attività di sostegno alle amministrazioni locali negli adempimenti di monitoraggio, controllo e rendicontazione dei finanziamenti, nonché quelle di verifica antimafia al fine di tutelare, in sede di prevenzione amministrativa, l’ingente flusso di denaro pubblico da aggressioni criminali”, concludono dall’interno. 


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml


Tagcloud:

Libero il turista tedesco che uccise i fidanzati sul Garda, il dolore del padre di Umberto: “Non ha mai chiesto scusa, ora può anche andare in vacanza”

Covid, le regole per la scuola: mascherine in classe solo in caso di nuova ondata