in

Palermo, dopo il Comune anche Cuffaro nel mirino degli hacker

Dopo il Comune di Palermo, anche Totò Cuffaro nel mirino degli hacker. I profili Facebook e Instagram e l’account dell’email dell’ex governatore siciliano, oggi leader della Dc nuova in lizza alle elezioni amministrative del 12 giugno, questa mattina sono stati hackerati e non vi è possibile accedere.

“Si tratta di un vile gesto che stiamo provvedendo a denunciare all’autorità giudiziaria – dice Cuffaro – Ancora una volta, come sta succedendo troppo spesso nell’ultimo periodo, la Dc viene messa sotto attacco, tentando, come in questo caso, di mettere il bavaglio. Noi andremo avanti per la nostra strada, sostenuti dalla gente che ogni giorno si avvicina al partito e condivide il nostro progetto”.

Il riferimento polemico di Cuffaro è probabilmente al collettivo che nelle scorse settimane ha affisso sui muri di Palermo finti manifesti elettorali di Forza Italia e della Dc nuova con slogan che inneggiavano alla mafia. Manifesti apparsi nei giorni dell’aspra polemica sul ruolo di Cuffaro e Marcello Dell’Utri, entrambi liberi dopo avere scontato una condanna per reati di mafia, nelle elezioni di Palermo. Anche in quel caso è stata avviata un’inchiesta a seguito di alcune denunce.


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml


Tagcloud:

Roma, all'asta il manoscritto di D'Annunzio con la poesia Undulna

Cadavere di una prostituta ritrovato nel greto di un torrente a Sarzana, caccia all'omicida