in

Maltempo, colata di fango su alcune case in Alto Adige. Evacuati alberghi in Val di Fassa

BOLZANO – Momenti di paura in Val di Fleres, l’ultima valle d’Italia prima del confine italo-austriaco del Brennero, dove una colata di fango alta due metri provocata da un violento temporale è arrivata fino al villaggio di Sant’Antonio. Sei case sono state danneggiate, tre in modo grave (locale caldaia e cantine allagate) ed una è stata evacuata. In queste ore sono oltre 40 le squadre dei vigili del fuoco impegnate in numerosi interventi. I pompieri comunicano che al momento nelle varie frane ed alluvioni non sono coinvolte persone.

Evacuati alberghi e case in Val di Fassa

Circa un centinaio di persone tra turisti e residenti sono state evacuate da alberghi e case in valle di Fassa, soprattutto nella zona di Vigo di Fassa, dove si è abbattuta una bomba d’acqua che ha provocato in breve tempo frane e smottamenti e l’esondazione di alcuni corsi d’acqua, come a Fontanazzo e Campestrin, frazioni di Mazzin e San Jan, dove – riferisce il Tgr Trento – una frana di fango ha invaso la strada. Le persone evacuate trascorreranno la notte nel Centro della Protezione civile e nelle palestre.

Forti temporali, strade interrotte

Per i forti temporali sull’Alto Adige ci sono stati molti disagi alla viabilità. In Val d’Anterselva il rio si è talmente ingrossato da creare uno smottamento imponendo la chiusura del passo Stalle tra Italia e Austria attraverso la valle.

In Val Pusteria, nella zona di Valdaora, la località di Sorafurcia/Geiselsberg è rimasta isolata. Numerosi gli interventi dei vigili del fuoco in Val Pusteria ed Alta Val d’Isarco.

Piccole frane e strade allagate in Val di Fleres. La località di Sorafurcia/Geiselsberg non è raggiungibile nè da Valdaora nè dalla Val Badia perchè le forti piogge hanno causato una serie di frane. Chiusa la strada statale 244 della Val Badia tra San Martino in Badia e La Valle, chiusa anche la provinciale 43 tra San Vigilio di Marebbe e Valdaora.

L’allerta

Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, sabato 6 agosto, allerta gialla in Trentino Alto Adige, Veneto e su alcuni settori di Piemonte e Toscana. Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml


Tagcloud:

Vaiolo delle scimmie, vaccini in distribuzione alle Regioni. “Precedenza a gay e chi ha rapporti sessuali a rischio”

“Uccisi perché felici”, Eleonora e Daniele massacrati a coltellate l’ultima sera d'estate