in

Green pass: al Senato slitta a mercoledì. Salvini: tamponi gratis

Slittano a mercoledì mattina alle 9.30 i lavori dell’Aula del Senato sul dl Green pass. Lo slittamento per permettere alla commissione Affari costituzionali di proseguire i lavori. La commissione è attualmente impegnata sul voto dei 103 emendamenti presentati. 

Sì della Lega, seppur su un semplice parere, al decreto che introduce il green pass nelle scuole e nei trasporti pubblici, all’esame della Commissione Affari sociali della Camera. In Commissione per le Politiche Ue la Lega ha votato per dare il parere favorevole al decreto, insieme agli altri partiti della maggioranza. Un piccolo giallo era sorto in mattinata dato che il capogruppo della Lega in Commissione, Alessandro Giglio Vigna, aveva chiesto uno slittamento della seduta, per lo scarso preavviso di convocazione. Quando tuttavia la seduta si è svolta la Lega ha votato a favore del decreto. Intanto in Commissione Affari sociali sono stati presentati 269 emendamenti. La presidente Marialucia Lorefice (M5s) ne ha dichiarati inammissibili 28 per estraneità di materia, mentre altri due sono stati ritirati dal proponente. Tuttavia il governo ha ieri a sua volta presentato un emendamento con i contenuti del decreto 122, quello approvato venerdì in COnsiglio dei ministri, contenente l’ulteriore estensione del green pass. Entro domani dovranno essere depositati i sub-emendamenti, dopo di che si inzierà il voto, con l’obiettivo di concludere venerdì. 

“Ho chiesto al ministro d’Incà se il governo intende mettere la fiducia. Al momento non è ancora deciso, è possibile, ma non è ancora scontato. Noi non faremo ostruzionismo ma avremmo il piacere di votare i nostri emendamenti”. Lo dice Luca Ciriani, capogruppo di Fratelli d’Italia al Senato, a margine della conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama. Gli emendamenti “possiamo anche ridurli notevolmente, alle parti essenziali, ma avremmo piacere di poterci confrontare in Aula – prosegue Ciriani – La nostra proposta al governo è quella di metterci d’accordo su pochi emendamenti da votare domani in aula evitando la fiducia”.

“Continuiamo a insistere su questo. Noi chiediamo milioni di tamponi rapidi gratuiti o a basso prezzo per milioni di famiglie di italiani in difficoltà”. Lo ha detto il leader della Lega e senatore, Matteo Salvini, a margine della sua visita al Mercato Centrale della Stazione centrale di Milano. “Il tampone rapido e gratuito è una soluzione, spero che nessuno si metta di traverso”. 

   


Fonte: http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/politica_rss.xml

Fontana, ora si può parlare di 'immunità di gregge'

I rettori sul Gran Sasso per spiegare l'emergenza clima