in

Droga, omofobia e proroga sblocco sfratti: i tre dossier che dividono destra e sinistra nel Governo

I punti chiave

4′ di lettura

Nel Governo di larghe intese guidato da Mario Draghi, sostenuto da forze politiche di centrosinistra e di centrodestra, le distanze non riguardano solo il tema delle riaperture, con la Lega, una parte di M5s e Iv a chiedere che si metta nero su bianco un calendario per alzare le saracinesche e Pd, LeU a frenare, segnalando la necessità di non allentare la stretta in una fase così delicata per la campagna di vaccinazione. Al di là dello scontro tra aperturisti e rigoristi le distanze tra l’anima di destra e quella di sinistra della maggioranza si manifestano anche su tre dossier: delega sul tema droga, contrasto all’omofobia e proroga del blocco degli sfratti.

La mozione per la cancellazione del cashback

A stretto giro si potrebbe delineare uno strappo sul cashback: l’aula al Senato ha avviato l’esame della mozione presentata da Fratelli d’Italia e sottoscritta da tutto il centrodestra per abolire il rimborso di Stato sui pagamenti con moneta elettronica (il cosiddetto “Programma Cashback”). Si delinea un banco di prova per la maggioranza. La mozione, a prima firma FdI, chiede al Governo di impegnarsi a cancellare il cashback, così da destinare i 3 miliardi previsti per il 2022 ad ampliare gli aiuti alle imprese (si veda anche Il Sole 24 Ore del 7 aprile). Si tratta di capire quale sarà la posizione della Lega.

Loading…

Modifiche al decreto Sostegni: la coperta delle risorse è corta

E venerdì 9 aprile scadrà il termine per la presentazione degli emendamenti al decreto Sostegni nelle commissioni Bilancio e Finanze del Senato: il budget per finanziare le modifiche al provvedimento è di 550 milioni. La coperta delle risorse è dunque corta. La maggioranza dovrà individuare delle priorità.

Droga, delega a Dadone spacca maggioranza: FI evoca crisi

Ha scaldato gli animi e acceso i toni del dibattito tra le forze politiche che sostengono il Governo la decisione dell’esecutivo di assegnare alla ministra per le politiche giovanili Fabiana Dadone (M5s) la delega delle politiche contro le tossicodipendenze. Così, appena sette settimane esatte dal giuramento del governo Draghi, per la prima volta un rappresentante della maggioranza bipartisan, Maurizio Gasparri (Fi) ha evocato la parola crisi. Dadone è infatti notoriamente favorevole a una linea anti-proibizionista. I Cinque Stelle hanno rilanciato, con il presidente della commissione Giustizia della Camera Mario Perantoni ad annunciare che presto calendarizzerà una proposta di legge per inserire i principi stabiliti recentemente dalla Cassazione nell’ordinamento italiano, dalla libertà di coltivazione della cannabis per uso personale, sino al diritto dei malati a curarsi con la stessa sostanza. Parole che hanno gettato nuova benzina sul fuoco, tanto da spingere Gasparri a minacciare addirittura la crisi: «Leggo che un tale Perantoni apre alla discussione di legge pro droga alla Camera – ha detto il senatore -. Non so cosa deciderà Montecitorio ma a Palazzo Madama una legge del genere non passerà mai. Abbiamo votato per Draghi, non per “droghe”. Chi scherza su questi temi – ha concluso l’ex ministro – vuol mandare il governo a casa».

Pressing Pd, M5s. LeU e Iv sulla legge Zan, ma la Lega frena

Un altro tema divisivo è il disegno di legge Zan contro l’omofobia. Mentre il leader della Lega Matteo Salvini ha avvertito che «non serve una nuova legge, soprattutto in un momento in cui ci dovremmo occupare dell’epidemia e della ripartenza», Pd, M5s, LeU e Iv restano in campo per portare a casa il provvedimento. «Il ddl Zan rischia di spaccare l’alleanza? Non abbiamo intenzione di ammainare le nostre bandiere. Quando parlo della legge Zan parlo di cose che porterebbero il nostro Paese nel futuro, ci toglierebbero dal Medioevo», ha chiarito il segretario Enrico Letta. In questo il Pd trova una sponda nel ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli. «Una legge contro l’#omotransfobia non prioritaria? Un assurdo pensarlo – ha scritto su Twitter – serve oggi più che mai. Quando si parla di diritti umani non si possono fare discriminazioni di sorta o di partito». Approvato alla Camera a novembre, il disegno di legge Zan attende di essere calendarizzato al Senato. Ma il Carroccio, con in prima fila il presidente della commissione Giustizia di Palazzo Madama Andrea Ostellari, frena. L’operazione di congelamento è sostenuta in maniera non del tutto convinta da Forza Italia, e dall’opposizione da Fratelli d’Italia.


Fonte: http://www.ilsole24ore.com/rss/notizie/politica.xml


Tagcloud:

Sono baresi i fratelli più forti del nuoto italiano: Marco e Luca De Tullio. “E io, papà fortunato, vi racconto chi sono”

Tommaso Zorzi spiega perché non è andato dalla D’Urso