in

Ricerca e sviluppo, i fondi del Pnrr rischiano di non bastare per colmare il divario con Francia e Germania

di Giulio Gottardo e Salvatore Liaci

In Italia la spesa per ricerca e sviluppo è gravemente carente rispetto alle principali economie avanzate, con conseguenze negative sulla produttività e sulla crescita economica (Fig. 1).

Per raggiungere il livello francese di spesa in R&S l’Italia avrebbe bisogno da parte pubblica di circa 5 miliardi addizionali annui (e quindi strutturali).[3]  Se per i prossimi 6 anni (2021-2026) si volesse finanziare questa somma tramite il Recovery Fund, la ricerca dovrebbe quindi ricevere circa 30 miliardi.


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml


Tagcloud:

“Taranto pronta a lavorare con il presidente Bernabè sull'ex Ilva. La città ha già avviato un percorso di emancipazione”

Le Borse di oggi, 4 maggio. Listini Ue in cauto rialzo, Mediaset brinda dopo la pace con Vivendi