in

Austria in lockdown, rimborsi in salita per chi aveva prenotato un volo

risponde Maria Pisanò, direttrice del Centro europeo consumatori

Gentile lettore,

purtroppo la normativa emergenziale adottata dal legislatore italiano nel marzo 2020 e che riconosceva il diritto del passeggero a ottenere il rimborso del biglietto o, in alternativa, l’emissione di un voucher di pari importo laddove fosse stato costretto a rinunciare al viaggio per motivi attinenti al Covid non è più applicabile e non esiste una norma ad hoc che disciplini la  fattispecie. Tuttavia può chiedere il rimborso del corrispettivo versato in applicazione dell’articolo 945 del Codice della Navigazione che riconosce il diritto del passeggero a ottenere il rimborso laddove la partenza sia impedita per cause non direttamente imputabili allo stesso come si verifica nel caso da lei rappresentato.

Cordiali saluti


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml


Tagcloud:

Femminicidi e violenza aumentano, che cosa stiamo sbagliando?

Alex Pompa, uccise il padre per difendere la madre: “È legittima difesa”