in

Genova, libro souvenir per chi si sposa in Comune, ma non per le unioni civili

Un “libro blu”, con i nomi degli sposi e alcune fotografie di Strada Nuova e ville del Comune. Un bel pensiero, un regalo che piace, se non fosse che è destinato solo ai matrimoni tra uomo e donna. O, meglio, non è riservato alle unioni civili. Durante la discussione del bilancio previsionale in consiglio comunale a Genova il capogruppo del Pd Alessandro Terrile ha presentato un ordine del giorno per mettere in evidenza quella che egli stesso ha definito una “insopportabile disparità di trattamento”.

Terrile, capogruppo Pd in consiglio comunale 

L’ordine del giorno, dichiarato inammissibile perché “fuori tema” dalla segreteria, è relativo al fatto che oggi, a chi si sposa in Comune a Genova con rito civile, l’amministrazione regala un libretto ricordo, con i nomi degli sposi e alcune fotografie dei palazzi di Strada Nuova. Il libro non è destinato a tutti bensì solo ai matrimoni, quindi tra uomo e donna. “Il libro non è riservato alle unioni civili – sottolinea Terrile – gli uffici mi hanno spiegato che la scelta è dettata da ragioni di bilancio, eppure la tariffa è uguale per matrimoni e unioni civili: 206 euro per corso Torino, 441 euro per Palazzo Tursi, 1.537 euro per Palazzo Ducale. Ai matrimoni tra uomo e donna vengono regalati questi libretti, che tra l’altro costeranno 4-5 euro quindi non mi pare una spesa inaccessibile, mentre per le unioni civili c’è solo una pergamena con i noimi”. Il capogruppo Dem va all’attacco: “Per il Comune la disparità può continuare – conclude Terrile – ma continuerà anche la nostra battaglia”.


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml


Tagcloud:

Brogli elettorali a Reggio Calabria, 5 arresti

ArcelorMittal, dal 29 marzo via alla Cig ordinaria: coinvolti oltre 8mila dipendenti di Taranto. Durerà almeno 12 settimane