in

Fondi per la sicurezza urbana, arrivano 65 milioni di euro per tre anni

Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha adottato il decreto di riparto del Fondo per la sicurezza urbana per il triennio 2021-2023 che ha una dotazione complessiva di 65 milioni di euro, con 15 milioni di euro per il 2021 e 25 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022 e 2023.

Il decreto prevede l’assegnazione del 60% delle risorse alle 14 Città metropolitane (Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma, Torino e Venezia); il 12% delle risorse alle Città metropolitane in condizioni di dissesto (Catania) o che hanno adottato la procedura di riequilibrio finanziario (Napoli, Reggio Calabria, Messina); il 14% ai Comuni per il progetto “Spiagge sicure”; il 14% ai Comuni per il progetto “Scuole Sicure”.

Nel triennio 11.628.240 euro andranno a Roma; 5.721.690 a Milano e 8.407.854 a Napoli (di cui 4.463.004 legati alla procedura di riequilibrio finanziario).Il provvedimento indica tutte le progettualità finanziabili: assunzione a tempo determinato di personale della Polizia locale; acquisto e installazione di apparati tecnologici e di sistemi per il potenziamento delle sale operative; messa in sicurezza e riqualificazione delle aree degradate; realizzazione o messa a norma delle camere di sicurezza nella disponibilità delle Polizie locali e di sistemi di foto segnalamento; esecuzione d’ufficio di provvedimenti per il superamento di situazioni di grave incuria o degrado del territorio e dell’ambiente ovvero per prevenire o eliminare gravi pericoli che minacciano la sicurezza urbana.

Per il 2021, le città metropolitane dovranno presentare alle Prefetture la domanda di accesso al Fondo entro trenta giorni dalla data di pubblicazione del decreto sul sito del ministero dell’Interno; per le annualità successive (2022 e 2023), le istanze andranno presentate entro il 30 aprile di ciascun anno.


Fonte: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml


Tagcloud:

Furti, in 10 anni scomparsi un milione di veicoli

Rivolte in carcere durante la pandemia: “Così i poliziotti ci hanno pestato nelle celle”. Ecco le lettere esclusive dei detenuti di Rieti e Modena finite nelle inchieste della magistratura